• Abbazia di Morimondo

Da qualsiasi parte si arrivi, l’abbazia di Morimondo si mostra in tutta la sua imponenza: sfruttando un avvallamento, i monaci la edificarono su più livelli, dando vita a un esempio raro di edificio di clausura sviluppato in verticale.

Questo punto della valle del Ticino, al confine col Pavese, apparve strategico ai 12 frati cistercensi arrivati nel 1134 dall’Alta Marna, in Francia.

L’abbazia, eretta con il tipico mattone in cotto lombardo, era visibile anche da lontano e doveva apparire ai pellegrini come un faro rosso tra il verde dei campi.

Nei secoli l’abbazia di Morimondo ha generato un borgo laborioso, di recente annoverato tra i più belli d’Italia.

Tutto – le geometrie gotiche, il rapporto tra luci e ombre, il senso di ordine e di essenzialità – rivela un rapporto non solo con il Divino, ma anche con la terra e il lavoro.

Proprio come prescriveva la Regola Benedettina, basata sull’ora et labora, sulla preghiera e sul lavoro.

Ancora oggi, dalle monofore dell’abbazia, è possibile osservare le marcite, tecnica di allagamento controllato dei campi che assicurava erba fresca per il bestiame anche in inverno.

Abbazia di Morimondo, cosa vedere

Tutto il complesso è aperto al pubblico e si possono ammirare:

  • lo scriptorium, dove gli amanuensi tra il 1170 e il 1210 realizzarono una novantina di volumi miniati;
  • la Sala del Capitolo, dedicata ai momenti più ufficiali e importanti della vita del monastero, tra cui quello dell’elezione dell’abate;
  • il refettorio, giunto a noi nella sua modificazione settecentesca.

Per approfondire le sapienti tecniche dei monaci, l’abbazia di Morimondo offre laboratori di erboristeria (ricette di impacchi e unguenti con le erbe di campo), miniatura e affresco.

Informazioni:

Dove si trova: Piazza Municipio 6, Morimondo (MI)
Telefono: 02 94961919
Email: fondazione@abbaziamorimondo.it
Visite Guidate: prenotazioni dal sito dell’Abbazia

Newsletter

Per ricevere aggiornamenti sugli eventi dell’Oasi Ca’ Granda iscriviti alla newsletter.

Photo Credit: Fondazione Abbatia Sancte Marie De Murimundo

NEWS