• Latte Ca' Granda
Home > Gestione del patrimonio > Latte Ca’ Granda

Latte Ca’ Granda

Fondazione Patrimonio Ca’ Granda continua la valorizzazione del patrimonio rurale del Policlinico, affidatole in gestione dal 2015, mettendo in vendita presso Esselunga (elenco negozi), con un accordo in esclusiva, un latte biologico munto in una delle cascine dell’ospedale e lavorato presso il lattificio cremonese Padania Alimenti.

Settanta mucche della Cascina Coltivi a Zelo Buon Persico (Lodi) – dal 1458 di proprietà dell’Ospedale e dal dopoguerra in locazione alla famiglia Brambilla – stanno producendo il primo latte italiano della ricerca: Fondazione Patrimonio, infatti, devolverà i proventi delle vendite ai progetti scientifici del Policlinico. 5,5 centesimi di euro su 1,59 euro a confezione. In un anno, la stima di 500 mila litri di latte venduti porterebbe alla ricerca del Policlinico 27.500 mila euro. Che si aggiungerebbero a € 1 milione e 400 mila già devoluti dalla Fondazione Patrimonio nei suoi primi due anni di attività.

Il latte Ca’ Granda è munto interamente nella Cascina Coltivi e i nutrizionisti dell’Università degli Studi di Milano che lavorano al Policlinico ne hanno valutato la composizione. Sul nostro sito internet pubblichiamo quindicinalmente le analisi di laboratorio effettuate sul latte, così che i consumatori (tramite il QR code sulla confezione) abbiano modo di conoscere dettagliatamente e costantemente i valori nutrizionali e di sicurezza del prodotto: ben 13 indici parametrici.

L’iniziativa di pubblicare quindicinalmente le analisi di laboratorio effettuate sul latte Ca’ Granda rappresenta una vera e propria unicità.

Fino al 1800 i prodotti delle terre del Policlinico contribuivano al sostentamento dell’ospedale: facendo seguito alla vendita natalizia nel 2015 di riso e latte presso la Mangiagalli, con questa ulteriore iniziativa, Fondazione Patrimonio Ca’ Granda procede nella valorizzazione del patrimonio rurale dell’antico Ospedale Maggiore e della sua straordinaria tradizione culturale.

Clicca qui per la mappa di tutti i negozi Esselunga dove trovare il latte Ca’ Granda

Le caratteristiche del Latte Ca’ Granda

STORICO

Prodotto da secoli nell’antica Cascina Villa Coltivi a Zelo Buon, pervenuta all’Ospedale Maggiore con la bolla di papa Pio II del 5 dicembre 1458, dove le fonti storiche attestano la produzione di latte sin dal 1600.

100 anni dalla costruzione nell’ospedale del “padiglioncino” per la pastorizzazione del latte per garantire agli ammalati latte di prima qualità (vd. allegato Ronzani).

KM 0

Munto e lavorato a pochi km da Milano: dalla mucca allo scaffale dopo solo un giorno e mezzo (39 ore).

BIOLOGICO

Garantisce un maggiore benessere umano, ambientale e animale:
– No anabolizzanti
– No antibiotici preventivi: ammessi solo 2 cicli di antibiotici all’anno e solo se diagnosticata una malattia
– No OGM
– Sì pascolo all’aperto e stalle con spazi singoli più grandi
– Sì campi coltivati senza insetticidi e senza diserbanti
– Sì alimentazione di foraggio prodotto all’interno dell’azienda

MICROFILTRATO

Garantisce una maggiore durata rispetto al latte fresco tradizionale (15 gg contro 7), senza rinunciare al gusto e mantenendo inalterati i valori nutrizionali originari del latte crudo

SICURO E TRASPARENTE

Prodotto secondo precisi e severi standard di sicurezza, attraverso il QR Code sulla confezione il consumatore può scaricare gli esami di qualità e sicurezza eseguiti con cadenza quindicinale da un laboratorio esterno accreditato.

BENEFICO

Valutato dagli esperti nutrizionisti della Statale che operano al Policlinico.

IL PRIMO LATTE DELLA RICERCA

L’intero utile di Fondazione Patrimonio Ca’ Granda, pari 5,5 centesimi per litro venduto, sarà devoluto alla ricerca del Policlinico.

 

L’azienda agricola Fratelli Brambilla e l’allevamento di bovine

Az. Agr. Fratelli Brambilla (Cascina Coltivi, Zelo Boun Persico)

– Dal 1948 in affitto alla famiglia Brambilla (terza generazione).
– Convertiti al biologico nel 2000: tra le prime aziende agricole di grande dimensione.
– 850 Bovine di razza frisona e meticcia (rimonta tutta all’interno: nascono e crescono in cascina):
• 200 vitelle (fino a 1 anno di età)
• 220 manze (tra 1 e 3 anni, prima di figliare)
• 430 vacche (dopo figliazione) che producono latte
– 70 le vacche “Ca’ Granda” necessarie per produrre i 500.000 litri l’anno previsti per la vendita nei supermercati Esselunga.
– Sala di mungitura automatica con sistema di raffreddamento immediato (4°), dove il latte rimane fino al prelievo del lattificio.
– Tempo di mungitura: 8/10 minuti circa a vacca.

 

Leggi la valutazione degli esperti di nutrizione del Policlinico

Il lattificio Padania Alimenti e gli standard di sicurezza

Padania Alimenti
(Casalmaggiore, Cremona)

– Fondata nel 1952, da sempre specializzata nella produzione di latte.
– Ha i più alti livelli di certificazione per in ambito alimentare: ISO 9001-2015; BRC-British Retail Consortium; IFS-International Food Standard; UNI EN ISO 22005:2008.
– Dal 2009 è certificata ai sensi dei Reg. CE 834/2007 e quindi autorizzata alla lavorazione e produzione di latte biologico microfiltrato.
– Ispezione annuale di verifica degli enti certificatori di accreditamento.

ESAMI DI SICUREZZA E QUALITÀ

– Il latte è sottoposto a esami di laboratorio che verificano:
a) requisiti di legge qualitativi (grasso, proteine, lattosio, etc) e igienici (carica microbica; aflatosina M1; salmonella; stafilococco; etc);
b) alterazioni (inacidimento), frodi (annacquamento, scrematura, conservanti), inquinamenti (antibiotici, farmaci, pesticidi);
c) efficacia del trattamento termico.

– Le diverse tipologie di esami sono svolti:
a) ogni giorno dal laboratorio interno del lattificio:
– sul latte crudo, appena giunto nello stabilimento dalla stalla
– sul latte lavorato, appena dopo microfiltrazione e pastorizzazione
– sul latte confezionato
b) ogni 15 gg da un laboratorio esterno accreditato:
– sul latte crudo
– sul latte confezionato

News

In evidenza

Salvata la chiesa del XV secolo, trovati affreschi inediti

L’oratorio di San Rocco a Fallavecchia – un bene di proprietà pubblica donato da Papa Pio IV nel […]